PILLOLE DI ROBERTO PEREZ

Condividi su facebook

Giovanni 5 dal ver 19 al 44

Buon pomeriggio, oggi parliamo di un accorato appello che Gesù ha fatto ai Giudei, per testimoniare la sua natura Divina e si rammarica della nostra inclinazione all’idolatria. Leggeremo insieme alcuni versetti tratti dal vangelo di Giovanni cap. 5.

Giusto per ricordarci, si parla dell’accusa che i Giudei mossero contro Gesù per aver operato un miracolo di sabato, proibito dalla legge ebraica e quindi meritava la morte.

19 Gesù quindi rispose e disse loro: «In verità, in verità vi dico che il Figlio non può da se stesso fare cosa alcuna, se non la vede fare dal Padre; perché le cose che il Padre fa, anche il Figlio le fa ugualmente.

Gesù dichiara apertamente la Sua natura Divina, ma non solo che è il Figlio di Dio, ma che fa le stesse cose che fa il Padre perché gliele ha viste fare. E non solo, se continuiamo nella lettura, ci dice anche che ha ricevuto autorità di giudizio e quindi chi onora Lui e lo riconosce, riconosce anche Dio che lo ha mandato e coloro che ascoltano la Sua parola e credono, avranno vita eterna e non saranno giudicati, ma passeranno dalla morte alla vita. Il Signore ci rivela come accadrà. Tutti sappiamo che Gesù ritornerà e anche quello che avverrà… il rapimento della Sua Chiesa ed anche quelli che riposano nelle tombe udranno lo squillo della tromba ed anche loro subiranno il giudizio e ci saranno quelli che saliranno in cielo con Cristo e coloro che dovranno aspettare il giudizio, in base alle opere che hanno fatto, di bene o di male

 28 Non vi meravigliate di questo; perché l’ora viene in cui tutti quelli che sono nelle tombe udranno la sua voce e ne verranno fuori; 29 quelli che hanno operato bene, in risurrezione di vita; quelli che hanno operato male, in risurrezione di giudizio. 

Sarebbe stato bello leggere tutti i versetti, ma questo lo possiamo fare anche da soli. Ora leggiamo  il versetto 39 e 40.

39 Voi investigate le Scritture, perché pensate d’aver per mezzo di esse vita eterna, ed esse sono quelle che rendono testimonianza di me; 40 eppure non volete venire a me per aver la vita!

Gesù, ci accusa di non credergli, nonostante i nostri studi biblici, continuiamo ad avere dubbi, perplessità e quindi se non lo riconosciamo come Figlio di Dio, non riconosciamo neanche Dio, ma siamo disposti a credere a qualche ciarlatano che ci ammalia con i suoi bei discorsi, che ci offre qualcosa, un bel pellegrinaggio o un‘oggetto sacro, al quale rivolgere le nostre preghiere, le nostre speranze per la risoluzioni di ogni problema.  Ma Gesù ci ama e non si stancherà mai di bussare al nostro cuore, per farci ricredere dalle nostre idolatrie e dai nostri dubbi; in modo totale ed accettare l’unica verità che ci condurrà alla vita eterna. Desidero concludere con un altro versetto; il versetto 6 del capitolo 14 sempre del vangelo di Giovanni.

Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.

Grazie per la vostra attenzione che il Signore ci benedica

Con servo in Cristo Roberto Perez

Logo El Shaddai

Chiesa Cristiana Evangelica
El Shaddai

El Shaddai tutto il materiale è Copyright - E' vietata anche la duplicazione anche parziale - Privacy Policy

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.

  Cookie policy