Voi attingerete con gioia l’acqua dalle fonti della salvezza

“Mentre la mia preghiera si faceva più raccolta e interiore, sempre più venivano meno parole da esprimere. Infine tacqui.
In me si verificò ciò che vi è di più opposto al parlare: diventai uno che ascolta.
Dapprima pensavo che pregare fosse parlare. Ho imparato che pregare non è solo tacere, ma ascoltare.
Pregare non significa ascoltare le proprie parole, ma stare in silenzio e aspettare, finché diventi possibile ascoltare la voce di Dio.”
(Søren Kierkegaard)

Suggerita dalla sorella Gisella Martino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content